Tvboy, una storia controcorrente

Settembre 22, 2023
2 mins read
Disegno con due uomini che si scambiano una borsa. L'uomo ha un laptop sul pube e scambia una borsa con un secondo uomo

Pseudonimo di Salvatore Benintende, classe 1980, palermitano di nascita, oggi Tvboy è considerato una icona della Pop Art e della Street Art, tanto da essere definito da molti esperti “il Banksy italiano”. Dalle prime opere, a cui Tvboy deve il suo pseudonimo, fino ai lavori più recenti, l’artista ha sempre lanciato messaggi forti e provocatori.

Le sue opere parlano tanto al grande pubblico quanto alle élite di collezionisti e non risparmiano personaggi pubblici e politici dalle sue satiriche rappresentazioni. 

In un primo momento l’artista rappresenta volti all’interno di schermi televisivi, per porre l’accento sull’enorme influenza che la televisione esercitava (ed esercita ancora) sulla popolazione, uno strumento di omologazione e massificazione soprattutto per le nuove generazioni

Con l’evoluzione dello stile dell’artista, Tvboy inizia a prediligere rappresentazioni di personaggi della contemporaneità. Politici, calciatori, musicisti, attori: nessuno sfugge alle sue satiriche interpretazioni.

Tra i soggetti più noti vi sono gli inconfondibili “baci” di cui quello che più ha fatto scalpore è stato il Bacio tra Salvini e Di Maio realizzato nel 2018 a Roma e rimosso dalle autorità.

Ma in modo simile, a baciarsi sono stati anche altri illustri personaggi rappresentati da Tvboy: opere come il bacio tra Papa Francesco e Donald Trump, quello tra Ronaldo e Messi e quello tra José Mourinho e Pep Guardiola sono solo alcuni esempi. 

Tra le altre iconiche rappresentazioni ricordiamo opere dal valore politico come Giorgia Meloni che tiene in braccio un bambino nero.

Nel 2017 ha rappresentato Donald Trump e Silvio Berlusconi nelle vesti di Batman e Robin, mentre nel 2018 è apparso a Pompei un Papa Francesco con un cuore in mano, con i colori dell’arcobaleno, simbolo dell’orgoglio e dei diritti Lgbtq+, e con la scritta “Love wins stop homophobia!”

Tra i ritratti “meno impegnati” troviamo dediche a personaggi come Maradona nella litografia “Angel and Devil – Diego Deluxe”, o Francesco Totti rappresentato nelle vesti del Santo di Assisi, in “San Francesco da Roma”.

Oppure Totò, rappresentato nei panni di un writer. O più recentemente Chiara Ferragni, rappresentata come “Santa Chiara”, con figlio in braccio sul cui piccolo capo è deposta una corona dall’aspetto carnevalesco.

Nelle sue opere hanno trovato spazio anche artisti indimenticabili come Pino Daniele, Raffaella Carrà, Franco Battiato e perfino la Venere Botticelliana in versione contemporanea.

In “The Fast supper” lo street artist propone una provocante rivisitazione dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci inserendo nella scena i prodotti della nota catena di fast food. Non a caso il titolo dell’opera è “The Fast supper”, la cena veloce appunto.

Nella serigrafia “Adam on Prime”, una rivisitazione della celebre “Creazione di Adamo” di Michelangelo: Dio assume le sembianze di un fattorino Amazon.

“Adamo, che nella versione originale, tende il braccio verso l’Eterno; ora è sospeso in una trepidante attesa non verso l’infinito ma per ricevere il tanto bramato pacco, ordinato online con un semplice click“, proprio per sottolineare quanto ormai l’uomo non riesca più a prescindere dall’essere sempre  tecnologicamente connesso.

Nella serie di serigrafie “Weapon of Distraction”, un sorridente Mark Zuckerberg tiene tra le mani uno smartphone appeso ad un filo come se fosse uno yoyo, sul cui sfondo è presente il logo di Meta, proprio a sottolineare come i prodotti del padre di Facebook possano essere considerati una vera e propria arma di distrazione.

Nel 2021 Tvboy ha tenuto la sua prima personale museale al Mudec di Milano.

Una vasta scelta di serigrafie e litografie sono disponibili sul web-site della Pop House Gallery di Udine, la cui mission è divulgare la pop e la street art, sia attraverso opere di artisti già noti, che tramite alcuni giovani emergenti.

Di respiro internazionale, la collezione della Pop House Gallery, vanta pezzi di Bansky, Mr. Brainwash, Takashi Murakami,Kaws, Jago e Dimitri Likissas. Tra gli artisti italiani affermati in Italia e all’estero la Galleria promuove TvBoy e Andrea Ravo Mattoni; mentre nella categoria artisti emergenti rientrano Kris Rizek e Laika1954.

Qui la selezione delle opere di Tvboy disponibili presso Pop House Gallery

Photo courtesy Pop House Gallery

Don't Miss