Tommaso Casini : La molteplicità del volto.

Gennaio 16, 2024
1 min read
Tommaso Casini: La molteplicità del volto

Studi per la storia del ritratto dal XVI al XXI secolo.

Tommaso Casini La molteplicità del volto

La ritrattistica, come rappresentazione del volto umano, ha implicazioni storico-culturali, memoriali, collezionistiche, sociali, antropologiche, estetiche e critiche di lungo periodo. Il volume raccoglie dieci saggi che indagano un arco cronologico dal XVI al XXI secolo. La prima parte comprende studi che spaziano da raccolte di ritratti a stampa nei libri di uomini illustri – sul modello gioviano e vasariano – a raccolte collezionistiche di autoritratti di artisti fino alla nascita di musei e accademie, dalla memoria collettiva dei monumenti postunitari alla riscoperta della ritrattistica italiana all’inizio del Novecento. La seconda parte è dedicata all’autorappresentazione del volto di pittori che vanno da Edgar Degas a Damien Hirst. Conclude il libro una riflessione sull’immagine dell’artista al lavoro nel passaggio dalla pittura all’uso della fotografia e della cinematografia, fino alle frontiere digitali.

In copertina SVA CVIQUE PERSONA – A ciascuno la propria maschera – dipinto, oggi alla Galleria degli Uffizi a Firenze, databile tra il 1510 e il 1520, attribuito tra gli altri a Ridolfo del Ghirlandaio o a Raffaello. Il dipinto originalmente era pensato come coperta di un altra opera, probabilmente un ritratto che veniva mostrato solo in determinate occasioni. L’iscrizione invita lo spettatore a riflettere sull’esistenza, in ognuno di noi, di una parte visibile e di una nascosta. E il libro offre infatti spunti molto interessanti sulla traduzione del principio di verosomiglianza nella ritrattistica.

L’autore

Tommaso Casini

Insegna Museologia e Storia della critica d’arte e del restauro all’Università IULM di Milano. Le sue pubblicazioni sono rivolte alla storia della critica d’arte, all’iconografia del ritratto e della rappresentazione fisiognomica, alla derivazione e ri-mediazione di opere d’arte, alla ricezione critica dell’arte paleolitica nel secolo XX in particolare negli studi di Carlo Ludovico Ragghianti. Tra le sue pubblicazioni: Ritratti parlanti (Firenze 2004); The Gentle Art of Fake (Cinisello Balsamo 2019); Sistina e Cenacolo. Traduzione, citazione e diffusione (Roma 2020). Fa parte del consiglio scientifico della rivista “Storia della Critica d’arte. Annuario della SISCA” ed è membro del comitato italiano CIHA (Comité International Histoire de l’Art), di cui è vicepresidente.

Qui per il nostro articolo sulla Medusa di Caravaggio.

Don't Miss