Ruth Bernhard: il femminile vulnerabile

Gennaio 6, 2024
1 min read
corpo nudo di donna fotografato dalla fotografa Ruth Bernhard

La fotografia di Ruth Bernhard è conosciuta soprattutto per i suoi studi sui corpi femminili. La fotografa afferma che “il mio scopo è trasformare la complessità della figura in armonie di forme semplificate, rivelandone la realtà innata” . Ruth Bernhard ritrae il corpo femminile come entità naturale, piuttosto che oggetto sessuale e lo attraverso l’utilizzo dell’estetica minimalista e della fotografia in bianco e nero. 

Lo studio primi anni ’50 ritrae il corpo femminile in una condizione di vulnerabilità. L’angolazione della composizione ricorda un feto nel grembo materno. Da questa posizione nascono feti di entrambi i sessi, indicando pari status. Tuttavia la posizione del feto trasmette anche uno stato di fragilità

Studio primi anni ’50

In the Box (Horizontal) sottolinea ancora la tendenza di Ruth Bernhard a rappresentare la vulnerabilità dei corpi femminili. Il soggetto ha difficoltà a muoversi in uno spazio chiuso. La sua posa ha una sottesa sovversione della rappresentazione del corpo femminile. È distesa in una posizione in cui il suo corpo è esposto, una posa comunemente usata nell’arte per provocare l’eccitazione sessuale dell’osservatore; ma il soggetto posa in un ambiente minimal, ristretto  non si tratta pertanto di una composizione in cui vengono prodotti pensieri sessuali. Invece, il minimalismo fa sì che gli osservatori vedano il corpo femminile come un essere umano, ma non solo , viene chiaramente resa un’impressione secondo cui il corpo femminile può essere minacciato attraverso qualsiasi forma di violenza.

In the Box (Horizontal)

Don't Miss