Rooy Charlie Lana

Settembre 12, 2023
1 min read

Classe 1985, siciliano di origine, Rooy Charlie Lana vive e lavora a Venezia. Ed è tra i candidati per Biennale College in Arte Venezia 2024 che sarà dedicata ai “Foreigners Everywhere”. Ha esposto le sue opere, tra cui film d’autore e performance, al K20, Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen a Düsseldorf e alla Fondazione Bevilacqua La Masa a Venezia, al Teatro India (Roma), Asolo Film Festival, Spazio in Situ (Roma), Aard Uork (Venezia), (un)fair (Milano), BASE (Milano).
Ha studiato Teatro e arti performative allo IUAV di Venezia.
Durante il periodo formativo ha collaborato con Rimini Protokoll, Motus, Collettivo Cinetico e con il collettivo di curatori a.titolo di Torino e con Centrale Fies, Art work space.

A luglio del 2023 Rooy Charlie Lana presenta a Reggio Calabria negli spazi espositivi della Galleria Sottogiudecca  @ness_Transghost

Transghost è uno strumento d’indagine della cultura queer che si interroga sui rapporti tra politica e sessualità, incoraggiando una coscienza critica dell’identità individuale oltre l’egemonia della genetica. Nella nostra contemporaneità si fa strada il concetto di gender fluid, che sempre più concorre a scardinare quegli schemi di rappresentazione dei corpi che nel corso della storia hanno perpetuato un sistema gerarchico dominante e discriminante, istituzionalizzando ruoli e privilegi sulla base dei caratteri prettamente anatomici. Se mappare il corpo è un atto politico, l’artista immagina nuove cartografie liquide e mobili definite nell’opera “MIT – Mappa dell’identità Transghost”, che organizza i principi e le fasi di questa transizione.

Durante la Mostra l’artista ha presentato il progetto “Marriage is a fictional union”, in cui due spose Transghost celebrano un matrimonio fittizio a Venezia, sovvertendo i canoni visivi e semantici di questa romantica comfort zone, icona nazionalpopolare del viaggio after wedding. L’intento è quello di “queerizzare il matrimonio” decostruendo la performatività del suo rituale cerimoniale, per depotenziare l’affermazione delle pratiche normative istituzionalizzanti dettate da Stato e Chiesa.

Don't Miss