Piero Manzoni diventa un fumetto

Ottobre 31, 2023
2 mins read

Paolo Bacilieri porta in un fumetto Piero Manzoni e la Milano del boom economico

Paolo Bacilieri porta in un fumetto questa volta l’artista Piero Manzoni, tra i più provocatori e geniali del secondo dopoguerra, colui che inventò la “Merda d’artista”, lo stesso che firmava le uova sode, invitando gli spettatori ad assaggiarle

Fu tra i primi a fare del proprio ed altrui corpo, una forma di arte performativa, che da lui prese i fondamenti per poi invadere le scene artistiche di tutto il mondo. Piero Manzoni, morì di infarto a soli 33 anni alla vigilia dell’apertura di una grande mostra a lui dedicata a Bruxelles su quegli “Achrome”  , che sono state tra le opere più intense che ci ha lasciato. Il suo certificato di morte fu firmato dall’amico e collega Ben Vautrier, e considerato opera d’arte esso stesso.

Il fumetto di Paolo Bacilieri ripercorre la carriera artistica di Piero Manzoni, la sua amicizia con il pittore Lucio Fontana, per soffermarsi su quella Milano postbellica in cui iniziavano a convivere anime diverse: ricchezza e povertà, gli orti e i primi grattacieli, l’industria e l’agricoltura, accesa da quel fermento culturale che si ritrovava intorno al Bar  Jamaica, cuore pulsante di Brera, dove letterati, artisti, fotografi e intellettuali si ritrovavano a giocare a carte, aspettando l’alba ogni mattina.

Diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, Paolo Bacilieri disegna e scrive fumetti dal 1982 collaborando con Milo Manara.

Nel 1986 esordisce come autore con la storia Il tesoro degli Imbala su testi di Franco Mescola e pubblicata originariamente in Francia sulla celebre rivista A Suivre per l’editore Casterman, ed edita in Italia sulle pagine di Corto Maltese.

Sempre per Casterman nel 1988 crea il personaggio Barokko. 

 Nel 1999 inizia la sua collaborazione con la Sergio Bonelli Editore entrando a far parte dello staff di disegnatori di Napoleone. La sua prima storia, su testi di Carlo Ambrosini è pubblicata sul numero 9 con il titolo La lucertola e il serpente. Dopo aver realizzato altri tre episodi del personaggio sempre su testi di Ambrosini sul numero 22 fa il suo esordio come autore completo con la storia Quando muoiono le balene, cui seguono altre sei storie sempre come autore completo

Ancora per Bonelli realizza la storia Sul pianeta perduto, per i testi di Antonio Serra.

Nel 2010 in occasione del Napoli Comicon realizza una copertina speciale per la rivista la Repubblica XL dedicata a Tex

Realizza una storia di Dylan DogIl mostruoso banchetto, scritta da Alberto Ostini.

 Tra i numerosi premi nazionali e internazionali ricevuti da Bacilieri ricordiamo il Premio A.N.A.F.I. nel 2002 come miglior disegnatore[5] e quello come miglior autore al salone di Lucca Comics & Games nel 2006

Per le news su Lucca Comics 2023 qui

Don't Miss