Frank Miller al Lucca Comics

Novembre 4, 2023
1 min read

Frank Miller si racconta e alla fine fa una battuta sull’AI

Tra i protagonisti più attesi della terza giornata di Lucca Comics & Games c’è stato senz’altro il grande autore statunitense, Frank Miller, vincitore dello “Yellow Kid”  come Maestro del fumetto,  che ha incontrato il pubblico il 3 novembre al Teatro del Giglio ,conversando con Simone Bianchi.

300 ha iniziato a pensare da ragazzino: «Quando nel 1964 ho visto il film The 300 Spartans era la prima che vedevo una storia in cui gli eroi morivano. In quel momento ho cambiato idea su quali fossero le storie che volevo raccontare: un eroe è qualcuno che fa la cosa giusta a qualsiasi costo». Quando poi ha iniziato a scrivere 300 (1998, ora ripubblicato da Star Comics, nuovo editore delle sue opere in Italia) ha capito subito che tipo di narrazione usare: «Avevo letto molte storie raccontate dal punto di vista dell’eroe, ma qui avevo 300 eroi, e così ho cambiato l’io in noi. E questo ha determinato tutto il resto: non avevo un solo protagonista, un punto di vista individuale, ma uno sciame di api».

Frank Miller, ha poi parlato di come pensa che l’intelligenza artificiale avrà impatto sulla creazione di fumetti e scopriamo che secondo il grande fumettista non ci sarà nulla di cui preoccuparsi.

“Non penso all’intelligenza artificiale”, ha detto quando gli è stato chiesto. “Sono interessato a sapere cosa può fare per facilitare determinate funzioni. Ma non credo che possa disegnare e so che non può inventare una storia. Non è possibile che parli come un essere umano e abbia stranezze, errori, passi falsi, starnuti e tutto il resto”.

“Inoltre non sono particolarmente entusiasta di qualcosa che sostituirà persone come me.”

Un pensiero ampiamente condiviso all’interno del mondo artistico e musicale. Ricordiamo come recentemente anche Nick Cave si sia mantenuto scettico nei confronti di una AI che potesse sostituirsi alla composizione di una canzone.

Miller, che scrive fumetti dal 1978, è probabilmente famoso soprattutto per il suo lavoro su Daredevil (per il quale ha creato il personaggio Elektra) e i successivi  Daredevil: Born Again, The Dark Knight Returns, Batman: Year One. Ha creato anche Sin City nel 1991 e 300 nel 1998.

Oltre a ciò, Miller che ha scritto le sceneggiature di RoboCop2  e RoboCop 3 , si è anche espresso  se fumetti e cinema siano in contrasto tra loro dicendo: “Penso che il potere e la portata del cinema abbiano liberato i fumetti e il mezzo di stampa per diventare più fedeli a ciò che sono. La differenza tra i fumetti e gli altri media deve essere celebrata, non evitata”. 

Don't Miss