Festa del Cinema, il docu su Lucio Amelio

Ottobre 28, 2023
1 min read

Chi è stato Lucio Amelio. Il docufilm di Nicolangelo Golormini fa il suo esordio alla Festa del Cinema di Roma

Sarà presentato sabato 28 ottobre, in anteprima alla 18esima edizione della Festa del cinema di Roma il film “Lucio Amelio” di Nicolangelo Gelormini, prodotto da Davide Azzolini per Dazzle Communication. Napoli e l’arte contemporanea arrivano al Mazzi con la proiezione dedicata a una tra le personalità italiane più dirompenti nel mondo dell’arte contemporanea, pioniere delle nuove correnti del Novecento.

“Io penso di essere l’espressione di questa città. Sono nato alla Vicaria Vecchia, ai Tribunali, figuriamoci! Infatti a Milano di Luci Amelii modestamente non ne trovi ad ogni angolo, modestamente. Perché? Ma perché Milano è un agglomerato urbano, non una città. Napoli è una città! Con un popolo! Penso che avendo capito questo sono perciò rimasto a Napoli dandovi un contributo”.

Le parole di Lucio Amelio spiegano molto bene il rapporto che il grande gallerista ebbe con la città. Nonostante i numerosissimi viaggi all’estero, Amelio rimase sempre nella sua Napoli; qui diede vita ad una serie di mostre che furono anche reading, performances, poli aggregativi per gli artisti e il pubblico, riuscendo così a catapultare la città su un palcoscenico mondiale, creando connessioni e canali di comunicazione internazionali e influenze che contaminarono di napolitanità l’arte d’oltreoceano.

Portò Napoli in tutto il mondo e tutto il mondo a Napoli.

Lucio Amelio scompare nel 1994, e a quasi trent’anni dalla sua morte rimane il ricordo di quella sua straordinaria capacità di lavorare in sinergia per creare meraviglie e di aver svolto la professione di gallerista nel modo più nobile e al tempo stesso geniale, con la capacità di prevedere il futuro dell’arte contemporanea, anzi di crearlo .

A dicembre 2023 il docufilm sarà proiettato su Rai5 e RaiPlay

Alla Festa del cinema di Roma anche “La Pitturessa” il docu film su Anna Paparatti, moglie del gallerista Fabio Sargentini.

Don't Miss