Biennale Arte Venezia 2024

Settembre 13, 2023
1 min read
Ingresso della biennale di venezia

Un’arte che vuole essere il più possibile mezzo di inclusione e libero territorio dell’espressione del sé. Questa sarà la tematica principale della Biennale Arte Venezia 2024,che si terrà da sabato 20 aprile a domenica 24 novembre pv. “Stranieri ovunque – Foreign everywhere” , il titolo voluto dal curatore Adriano Pedrosa, anche direttore artistico del Museo d’Arte di San Paolo in Brasile, prende ispirazione da una serie di lavori firmati da Claire Fontaine, collettivo artistico fondato a Parigi nel 2004 da James Thornhill e Fulvia Carnevale.  Il duo utilizza il neon, la scultura, la pittura e i testi per porsi interrogativi sulla crisi del singolo che caratterizza la società contemporanea.

Ma chi sono oggi i “Foreign everywhere”? Sono coloro che si sentono stranieri non soltanto per ubicazione o appartenenza geografica, ma anche e ancor di più nel profondo, perché costretti in un io che è ancora ricerca del sé più autentico. Emigrati, esiliati, rifugiati, diasporici, ma anche artisti outsider, autodidatti, o queer, questi ultimi spesso perseguitati o messi al bando.

Pedrosa, primo curatore a provenire dall’America Latina in 128 anni di storia della Biennale, oltre a portare all’attenzione dei visitatori i lavori di migranti, rifugiati e queer, presenterà anche un nucleo scelto di opere del ‘900 realizzate in America Latina, Africa, Asia e mondo arabo. Una interessantissima ulteriore sezione sarà poi dedicata alla diaspora degli artisti italiani nel corso del ‘900, cioè coloro che si sono trasferiti all’estero proseguendo la loro creazione artistica in perfetta integrazione con le varie culture locali.

Don't Miss