Banksy e la ragazza del Bataclan

Novembre 7, 2023
1 min read

Ad 8 anni dalla strage arriva un documentario che ripercorre anche il misterioso furto dell’opera di Banksy

L’8 novembre la vicenda della ragazza del Bataclan di Banksy, in un documentario trasmesso su Rai5

Era il 13 novembre 2015, quando nella storica sala per concerti di Parigi, durante un concerto degli Eagles of Death Metal, morirono 90 ragazzi per un attentato dell’Isis.

Per commemorare le vittime, nel 2018 Banksy realizzò su una delle porte di uscita del teatro un’opera che raffigura una giovane velata e dall’espressione triste. Con stencil e vernice bianca, diede così vita ad un’immagine che divenne subito un simbolo per la comunità parigina ferita. Per circa un anno e mezzo, la “ragazza del Bataclan” di Banksy vegliò su quel luogo cos’ tragico, finché non sparì in una notte del gennaio del 2019.

Banksy foto dell'opera dello streetartist Banksy realizzata sulla porta del locale parigino Bataclan, in omaggio alle vittime dell'attentato dell'Isis del 2015

La vicenda è sui media di tutto il mondo, nell’indignazione generale. Era il furto di un’opera creata, non soltanto in segno di omaggio alle giovanissime vittime, ma che era diventata il simbolo di una comunità che voleva trovare le forze per continuare a sperare.

Un’opera che come dichiarato dagli stessi responsabili del Teatro era stata lasciata fuori sulla porta, nell’esatto punto in cui era stata creata, perché era lì che aveva il suo senso e significato più profondo.

Esattamente nello spirito della streetart intesa proprio come bene comune.

La vicenda misteriosa della sparizione dell’opera giunse al suo epilogo quando nel giugno del 2020 la porta ricomparve misteriosamente in Italia, nelle campagne del teramano. Furono condannati in seguito otto uomini, sette francesi ed un italiano e la porta venne riconsegnata al Bataclan per essere ricollocata nel posto originario.  

Ma a seguito del ritrovamento scatta una contesa legale: a chi appartiene questa icona? Attraverso le testimonianze esclusive degli investigatori, degli autori del furto e con il contributo di esperti d’arte e di copyright internazionale, un documentario ne ripercorre la storia.

Il docufilm di Edoardo Anselmi e scritto da lui insieme a Claudio Centioni, dal Titolo “Banksy e la ragazza del Bataclan” sarà proiettato mercoledì 8 novembre su Rai5, durante il programma Art Night diretto da Neri Marcorè.

Ma chi è Banksy? Noi lo spieghiamo qui

Don't Miss