Arte in Nuvola. Le nostre conclusioni

Novembre 30, 2023
3 mins read
Arte in nuvola cover

Arte in Nuvola 2023. Il bilancio della terza edizione

Arte in Nuvola è arrivata alla sua terza edizione. La struttura di Fuksas a Roma Eur ha ospitato oltre 150 Gallerie. Ecco quali sono stati a nostro avviso gli stand più interessanti.

All’inizio del percorso espositivo spiccano le opere di Fabiano Parisi e Pietro Terzini entrambi per Galleria Glauco Cavaciuti, Milano. Terzini, classe 1990 ha raggiunto una enorme popolarità su instagram grazie alle sue opere realizzate sulle shopping bag delle grandi maison. Le sue opere hanno un linguaggio immediato e i suoi testi, prevalentemente in inglese, sono degli aforismi.

Proseguiamo con Galleria Deodato, che si distingue sempre per la grande cura nell’allestimento e la capacità di sapere accostare artisti diversi in modo assolutamente armonico. Bellissimi i due Takashi Murakami, i Mr Brainwash e le oniriche sculture di David Kracov,i Romero Britto,  a terra una grande scultura di Daniele Fortuna e a seguire due opere di Miaz Brothers (Roberto & Renato Miaz), anch’esse di grande effetto. Ciò che colpisce nelle opere di questi ultimi, è come non sia l’artista ad essere, con la sua tecnica e la propria visione, il ritrattista, ma l’osservatore e la sua fantasia che legge secondo una propria chiave ed una propria sensibilità l’opera che ha davanti.

Di grande impatto ad Arte in Nuvola lo stand di Tornabuoni Firenze dedicato ad Alighiero Boetti.Mettere al mondo il mondo”- scrive Alighiero Boetti – le virgole compongono un diagramma, tracciano gli estremi di una forma, ciascuna frase ha la sua e anche ciascuna parola. Quale frase e quale parola avrà la forma di ciò che dice, chi si accorgerà di un disegno che tradotto in virgole e proiettato sull’ordine alfabetico formi una frase intellegibile?

Tra le installazioni performative più interessanti: “Sit down toh ave an idea” di Andrea Bianconi, smalto su poltrona, che si propone come luogo di riflessione, in fuga dai ritmi frenetici della società contemporanea e “Tutte le cose che non ti ho detto”, Lettere gonfiabili di Sveva Angeletti. Entrambi i progetti sono a cura di Valentina Ciarallo.

La Galleria Gaburro (Verona e Milano) presenta due bellissime stampe di grandi dimensioni di Liu Bolin: “Sala della Niobe” Galleria degli Uffizi Firenze e Sala Bianca Palazzo Pitti Firenze.

Arte in Nuvola Liu Bolin

Da Violetti Arte Contemporanea, a Siena, Antonella Cinelli presenta “Nereadi, Meduse e altri abitanti della profondità”, olio e polvere di alluminio su tela.

Arte in Nuvola Antonella Cinelli

Da Studio d’Arte Campaiola, Massimo Catalani presenta due opere molto interessanti “L’Appropriazione dell’appropriazione #03 e #04  da Richard Pettibone”, pigmenti su tela di juta luminescente.

L’artista racconta l’oggetto architettonico fuori contesto, estraendolo dal mondo, in modo da portare l’attenzione di chi guarda soltanto sul rappresentato e sui dettagli. Le opere grazie alla luminescenza, al buio cambiano completamente, con un effetto veramente suggestivo.

Nello spazio di Arthotel a cura di Alessia Bennani, colpisce il prezioso vaso di Yuriko Damiani che, attraverso una tecnica brevettata dall’artista stessa, parla di vita e di trasformazione. Yuriko Damiani rende perfettamente sulla superficie del vaso un effetto sfumato, perlato che trasporta l’osservatore in una dimensione onirica.

Arte in Nuvola Yuriko Damiani

La Galleria NM Contemporary del Principato di Monaco espone una splendida Lajla Klinke: Vesting prayer, In quest’opera di straordinario impatto visivo, elementi della ritrattistica fiamminga e della fotografia del XIX secolo si intrecciano e si trasformano in mondi digitali contemporanei.

Arte in Nuvola

La Galleria Pavart di Roma espone due opere di Prisca Tozzi, giovane fotografa italiana che vive e lavora tra Londra,Firenze e Parigi, nelle quali è la sinuosità dei corpi ed i giochi di chiaroscuro a colpire lo spettatore.

Sempre nello stand di Pavart due opere concettuali e materiche di grandi dimensioni : “Pray” e “Faith” di Umberto Ippoliti.”Non pittore né scultore, voglio essere narratore,naufrago su una zattera alla deriva nell’immenso oceano dell’arte, nella vana ricerca di un approdo che non c’è” – dice di sé l’artista.

Arte in Nuvola Umberto Ippoliti

La Galleria d’arte Mancini di Roma espone ad “Arte in Nuvola”, tre opere di Felice Battiloro, giovane ed eclettico artista di Monza, in cui i delicati volti femminili lasciano trasparire un’idea di dolcezza ma anche di grande forza interiore..

Arte in Nuvola Felice Battiloro

Tra gli spazi più interessanti: s.t.foto libreria galleria di Roma che, in collaborazione con l’Archivio Elisabetta Catalano, presenta stampe vintage di venti ritratti di grandi personaggi dell’arte e della cultura tra cui Alighiero Boetti,Mario Schifano, Pier Paolo Pasolini, Italo Calvino.

Arte in Nuvola s.t.foto

La Wem Gallery di Ornavasso (Verbania), giovane e dinamica Galleria nata su una fabbrica metallurgica,  presenta le sculture su fogli in alluminio di Daniele Sigalot; un passato da grafico e copywriter, ogni foglio contiene un messaggio molto ironico o un riferimento al mondo dell’arte. Un artista vivace, intelligente dallo spirito critico e creativo. Sicuramente da tenere d’occhio.

Arte in Nuvola Daniele Sigalot

4 Comments

  1. Cecilia .
    Ho visitato Arte e Nuvola e condivido pienamente la riflessione riportate. Vorrei citare le opere di Umberto Ippoliti con Prey e Faith della Galleria Pavart.2 Opere concettuali che mi hanno profondamente emozionato.
    Ottime recensioni.

  2. Cecilia .
    Ho visitato Arte e Nuvola e condivido pienamente la riflessione riportate. Vorrei citare le opere di Umberto Ippoliti con Pray e Faith della Galleria Pavart.2 Opere concettuali che mi hanno profondamente emozionato.
    Ottime recensioni.

  3. Concordo con l’articolo. Mi ha colpito lo Stand della galleria Vitiello – Pavart, con l’esposizione di Giovanni Trimani, il chairman.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss