A Roma la grande Mostra su Escher

Ottobre 31, 2023
1 min read

Palazzo Bonaparte ospita la più grande mostra su Escher mai realizzata

Palazzo Bonaparte ospita la più grande mostra di Escher mai realizzata finora, un’antologica di circa 300 opere che comprende la famosa Mano con sfera riflettente (1935), Vincolo d’unione (1956), Metamorfosi II (1939), Giorno e notte (1938), la celebre serie degli Emblemata e molte altre, tanto per citare quelle più conosciute al grande pubblico. Sono inoltre presenti anche numerose opere inedite mai esposte prima.

La mostra rende omaggio al grande genio olandese nel centenario della sua prima visita a Roma avvenuta nel 1923; Maurits Cornelius Escher (1898-1972) infatti, dopo vari viaggi in Italia iniziati nel 1921 quando visitò la Toscana, l’Umbria e la Liguria, giunse a Roma dove visse per ben dodici anni, dal 1923 al 1935, al civico 122 di via Poerio, nel quartiere di Monteverde Vecchio.

Artista scoperto in tempi relativamente recenti, Escher ha saputo conquistare milioni di visitatori nel mondo grazie alla sua capacità di parlare a un pubblico molto vasto. Con le sue con le sue incisioni e litografie, ha saputo trasportarci in un mondo immaginario e impossibile, dove si mescolano arte, matematica, scienza, fisica e design. Nelle sue opere confluiscono una grande vastità di temi, e per questo rappresenta un unicum nel panorama della storia dell’arte.

Il periodo romano ebbe una forte influenza su tutto il suo lavoro successivo che lo vide prolifico nella produzione di litografie e incisioni soprattutto di paesaggi, scorci, architetture e vedute di Roma antica e barocca che rappresentò nel suo aspetto notturno, alla luce fioca di una lanterna. Le notti passate a disegnare, seduto su una sedia pieghevole e con una piccola torcia appesa alla giacca, sono annoverate da Escher tra i ricordi più belli di quel periodo. A testimonianza di quegli anni, è presente in esposizione anche la serie completa dei dodici notturni romani prodotta nel 1934.

La mostra, col patrocinio del Comune di Roma – Assessorato alla Cultura e dell’Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi, è prodotta e organizzata da Arthemisia in collaborazione con la M. C. Escher Foundation e Maurits ed è curata da Federico Giudiceandrea – uno dei più importanti esperti di Escher al mondo – e Mark Veldhuysen, CEO della M.C. Escher Company.

Qui per Helmut Newton Legacy

Don't Miss